Antiplatelet vs Anticoagulant

La coagulazione del sangue è un processo estremamente complesso che coinvolge piastrine, fattori di coagulazione e cellule endoteliali che rivestono i vasi sanguigni. È un importante meccanismo protettivo che limita la perdita di sangue dopo un trauma. È anche un passaggio fondamentale nella guarigione delle ferite perché la struttura della fibra formata nella coagulazione funge da base su cui migrano le cellule moltiplicatrici. I danni ai vasi sanguigni mettono in contatto le cellule del sangue e la matrice extracellulare altamente reattiva. Le cellule del sangue si attaccano ai siti di legame nel materiale extracellulare. L'attivazione e l'aggregazione piastrinica sono il risultato immediato di questo legame. I mediatori infiammatori secreti da piastrine danneggiate e cellule endoteliali attivano le cellule del sangue per produrre varie sostanze chimiche potenti. A causa di queste sostanze chimiche si attivano più piastrine e si forma un tappo piastrinico sul divario nell'endotelio. Il numero e la funzione delle piastrine sono direttamente correlati al successo del processo. La trombocitopenia significa un basso numero di piastrine e la trombastenia significa scarsa funzionalità piastrinica. Il tempo di sanguinamento è il test che valuta l'integrità della formazione del tappo piastrinico. La via intrinseca e quella estrinseca sono i due percorsi lungo i quali la coagulazione avanza da qui.

Il fegato produce fattori di coagulazione. Le malattie del fegato e le anomalie genetiche portano alla scarsa produzione di vari fattori della coagulazione. L'emofilia è una situazione del genere. La via estrinseca, nota anche come via del fattore tissutale, coinvolge i fattori VII e X mentre la via intrinseca coinvolge i fattori XII, XI, IX, VIII e X. Sia la via estrinseca che quella intrinseca conducono alla via comune che inizia con l'attivazione del fattore X. La mesh mesh di fibrina si forma a seguito del percorso comune e fornisce le basi di cui sopra per altri processi cellulari.

antiaggregante

Gli antipiastrinici sono farmaci che interferiscono con la formazione del tappo piastrinico. In sostanza, questi farmaci interferiscono con l'attivazione e l'aggregazione piastrinica. Questi farmaci possono essere usati come profilassi per la formazione di coaguli, per il trattamento di eventi trombotici acuti e come farmaci antinfiammatori. Inibitori della cicloossigenasi, inibitori del recettore dell'ADP, inibitori della fosfodiesterasi, inibitori della glicoproteina IIB / IIA, inibitori del trombossano e inibitori del reuptake dell'adenosina sono alcune classi di farmaci noti. Il sanguinamento gastrointestinale è l'effetto collaterale più comune di questi farmaci.

Anticoagulante

Gli anticoagulanti sono farmaci che interferiscono con la cascata della coagulazione. L'eparina e il warfarin sono i due anticoagulanti più noti. Questi farmaci possono essere usati come profilassi per prevenire trombosi venosa profonda, embolia e anche per trattare tromboembolia, infarti del miocardio e malattie vascolari periferiche. Questi farmaci agiscono inibendo i fattori della coagulazione dipendenti dalla vitamina K e attivando l'anti-trombina III. L'eparina non è disponibile in compresse mentre warfarin è. L'eparina e il warfarin devono essere iniziati insieme perché il warfarin aumenta la coagulabilità del sangue per circa tre giorni e l'eparina fornisce la protezione necessaria contro gli eventi tromboembolici. Warfarin aumenta l'INR e, pertanto, l'INR viene utilizzato come metodo per monitorare il trattamento. Dopo la fibrillazione atriale, l'INR deve essere mantenuto tra 2,5 e 3,5. Pertanto, un follow-up regolare è essenziale.

Antiplatelet vs Anticoagulant

• I farmaci antipiastrinici bloccano la formazione del tappo piastrinico mentre gli anticoagulanti interferiscono con i percorsi estrinseci e intrinseci.

• Le piastrine anti-piastrine di solito possono causare sanguinamento gastrointestinale a causa dell'aumentata secrezione acida, mentre gli anticoagulanti possono causare sanguinamento a causa di trombocitopenia.

• Antiplatelet può essere somministrato durante la gravidanza mentre warfarin non dovrebbe esserlo.